RSS

Il locale

Le antiche facciate in mogano del Caffè Piccardo, con le scritte dorate che recitano Pasticceria, Liquoreria, Confetteria, danno ogni giorno il benvenuto agli imperiesi e ai tanti turisti che popolano il locale, dalla colazione all’happy hour della sera passando per il lunch e gli altri spuntini della mattina e del pomeriggio.

D’estate come d’inverno, il vasto dehors offre uno spazio ospitale sotto i portici di piazza Dante, da sempre il punto d’incontro della città, in un centro storico ricco di fascino, di cui il Caffè Piccardo è parte integrante con la sua aneddottica infinita, che annovera pure storie su personaggi leggendari come Fausto Coppi e Sandro Pertini.

Dentro, il locale è suggestivo e accogliente, illuminato da una quantità di neon, lampade e plafoniere in vetro di Murano. Al centro della sala, intorno ai bianchi pilastri che sostengono il soffitto a volta, si allunga un mastodontico bancone a isola di marmo verde, impreziosito da decorazioni in stile umbertino che si alternano a pannelli in plexiglas retroilluminati, contenenti una serie di foto in bianco e nero che ripercorre la lunga e felice storia della famiglia Piccardo.

A destra, sono prede di occhiate golose le sconfinate vetrine della gelateria e della pasticceria. A sinistra, al cospetto del blasone di famiglia, i tavolini della sala da tè sono meta prediletta di chi vuole trascorrere un momento di assoluto piacere gustandosi magari una sfiziosa cioccolata con la panna con un cabaret di paste. Dietro il bancone infine si trova la zona appositamente predisposta per il lunch del mezzogiorno con primi e secondi assortiti, piatti di carne, pesce e vegeteriani insieme alla inestimabile selezione di dessert.

 

I commenti sono chiusi.